Gian Domenico Cerrini, attribuito a

Gian Domenico Cerrini, attribuito a

GIAN DOMENICO CERRINI, attribuito a

Perugia, 1609 – Roma, 1681

Concerto di Santa Cecilia

olio su tela, cm 123×172

La tela rappresenta Santa Cecilia intenta a suonare al suo organo portativo, circondata da angeli che sembrano accompagnarla col canto. La pittura classicista e le figure dolci, con una struttura luministica contrastata che rende il dipinto teatrale, sono i caratteri salienti di questo dipinto e lo immettono nella tradizione della pittura che discende in particolare da Guido Reni. 

L’incarnato chiarissimo e un po’ lattiginoso di Santa Cecilia sono tratti tipici di Gian Domenico Cerrini, pittore perugino che si formò, a quanto sappiamo dalle biografie, nella bottega romana di Guido Reni e divenne uno dei cantori più apprezzati del classicismo barocco di quel periodo. I panneggi gonfi, la pesante tenda verde alle spalle del gruppo sacro e la composizione generale rimandano alla cultura del pittore umbro negli anni della sua maturità.

Pubblicazioni:

“Vento Barocco. La forma dell’invisibile”, catalogo di mostra, a cura di Don Gianni Citro, Edizioni C.R.E.A, Salerno, 2021, pp. 96-99.